Falsi allarmi antifurto casa

È una criticità che può palesarsi spesso e volentieri, comune a molti, quella di dover fare i conti con eventuali falsi allarmi del proprio antifurto di casa. E sono diverse le fattispecie che possono portare a questi malfunzionamenti, dai problemi di natura tecnica, quindi non imputabili ad elementi esterni, passando per cause legate ad eventi specifici, ad esempio oggetti lucenti, animali domestici in casa, agenti atmosferici e perfino tende che vanno ad ostruire le prese d’aria. Il rilevatore può essere tratto in inganno ed iniziare di conseguenza a suonare come quando avverte la presenza in casa di un estraneo malintenzionato. L’antifurto che inizia a suonare da solo, senza una reale causa, è sempre un elemento da tenere sotto controllo anche perché in alcuni casi può perfino portare a conseguenze di natura penale.

Perché l’antifurto di casa genera falsi allarmi

È il caso ad esempio dell’antifurto collegato con le Forze dell’ordine: nel caso di sirena che inizia a suonare mettendo in preallarme la centrale collegata, si richiede un intervento tempestivo delle stesse forze di polizia. Qualora ci siano falsi allarmi in sequenza il rischio è quello di incappare nel reato di procurato allarme.
Quali sono le cause principali legate ai falsi allarmi generati dall’antifurto di casa? Partiamo dalle più diffuse, quelle che si riscontrano con maggiore frequenza all’interno delle abitazioni. E non si può non parlare dei sensori di movimento, diffusissimi oggi sia per interni che per esterni, che iniziano a suonare senza apparente motivo in quanto non tarati in modo corretto o inadeguati.
Anche semplici sbalzi di corrente possono causare falsi allarmi dovuti al funzionamento del sensore, con conseguenza diretta che la sirena inizia a suonare senza una causa apparentemente valida. 

Cosa fare in caso di ripetuti falsi allarmi

Blackout, ma anche dimenticanze; capita spesso e volentieri che ci si dimentichi di disattivare l’antifurto quando si entra in casa, di conseguenza questo inizia a suonare. Questo non è un falso allarme ma una mancanza diretta da parte del proprietario di casa che dimentica di disattivare il sistema.
Attenzione poi, che i falsi allarmi possono essere anche generati in modo voluto. Da chi? Ovviamente dai ladri, che ormai hanno affinato i propri strumenti per introdursi nelle abitazioni e, tra questi, hanno anche appreso l’arte, spesso e volentieri, di far scattare volutamente l’allarme di una casa in modo che il proprietario sarà costretto a disattivarlo onde evitare problematiche con i vicini.
Ecco allora che non sempre si tratta di falso allarme; prima di classificarlo come tale è bene sempre verificare quali sono le cause e andare a fondo, richiedendo l’intervento di personale qualificato.