Telecamere e sistemi di videosorveglianza per i condomini

Installare telecamere e impianti di videosorveglianza all’interno di un condominio, negli spazi comuni: un modo per aumentare il livello di sicurezza andando quindi a intervenire non soltanto nella propria abitazione ma anche in spazi che appartengono al condominio. I ladri, per entrare nelle abitazioni, tendono infatti a passare da spazi pubblici come garage, cortili, cancello comune di ingresso ecc…
Installare un sistema di allarme con videocamere in varie parti del condominio, avendo l’accortezza di metterle nelle zone più sensibili, è un modo per mettersi al riparo da eventuali intrusioni. L’installazione di un sistema di telecamere con antifurto a protezione di un condominio richiede l’approvazione dell’assemblea riunita in seduta comune per decidere se procedere all’installazione.

Come fare per installare telecamere in un condominio

Quello che occorre quindi è una delibera dell’assemblea condominiale per l’approvazione dei lavori, con un numero di voti che sia pari alla maggioranza dei condomini che prendono pare all’assemblea. Quindi, si deve esprimere la metà del valore dell’edificio partendo dalle tabelle millesimali.
Secondo una sentenza del Tribunale di Roma infatti, “la scelta di rafforzare il sistema di tutela del complesso ben rientra tra i poteri dell’assemblea”. Si parla ovviamente degli spazi comuni del condominio, perché poi ogni singolo condomino può installare a proprie spese le videocamere per tenere sotto controllo la sua proprietà. In questo caso dovrà posizionare le videocamere in modo che non riprendano spazi comuni, sempre seguendo quelle che sono le norme legali per impianti di videosorveglianza.

Mettere telecamere in un condominio

Nel caso di installazione di videocamere nel condominio, quindi negli spazi comuni, sarà necessario apporre appositi cartelli che vadano ad indicarne la presenza oltre che il titolare del trattamento dei dati personali. Aspetto che, tra l’altro, influisce anche a livello di deterrente andando a scoraggiare i malintenzionati: ciò in considerazione del fatto che i cartelli di allarme funzionano per mettere in fuga i ladri.
Quali sono i vantaggi di un sistema di videosorveglianza all’interno di un condominio? Ce ne sono molteplici, non soltanto quello evidente legato alla sicurezza in tutti gli spazi comuni: si parla quindi di prevenzione, di avere un sistema di registrazione da usare per tante finalità, non solo per eventuali intrusioni di ladri ma anche per qualsiasi altro evento dovesse avvenire negli spazi comuni.
Per tutte queste ragioni l’installazione di sistemi di videosorveglianza all’interno di un condominio rappresenta un vantaggio e un aumento del livello di sicurezza per tutti gli spazi.