Come proteggersi realmente dai ladri? 5 consigli pratici

Difendersi dai ladri ma farlo realmente, in modo concreto. Sono molte le soluzioni che vengono proposte e che si possono trovare anche in rete, quando si cerca soluzioni per mettere in sicurezza i propri spazi abitativi o lavorativi: alcune di queste sono realmente funzionali altre decisamente meno.
Quali sono i consigli da seguire e le accortezze se ci si vuole difendere realmente da eventuali intrusioni da parte di malintenzionati? E qual è lo strumento più funzionale per ottenere questo scopo? Vediamo di seguito 5 consigli pratici per difendersi veramente dai ladri.

1.Effettuare una attenta valutazione dei rischi

Spesso non si effettua una corretta valutazione dei rischi, si tende ad intervenire in modo meccanismo senza analizzare a fondo le situazioni. Ogni contesto abitativo fa storia a sé, ha i propri punti deboli: per decidere come proteggersi e per stabilire anche quale sistema di antifurto andare ad integrare, è bene effettuare una analisi approfondita, anche con il supporto di un professionista, dei propri spazi, dei punti di accesso e delle criticità.

2.Attenzione agli accessi secondari

Altro errore che si commette sempre quando si vuole proteggere la propria abitazione, mettere in totale sicurezza gli accessi principali della stessa e dimenticarsi di quelli secondari, o di punti di accesso che non vengono assolutamente considerati. Spesso anche una piccola finestra, la porta di una cantina, l’accesso al garage se attiguo alla abitazione, verandine, balconi, possono essere facili punti dai quali i malintenzionati accedono. Ed allora anche qui si devono predisporre dispositivi di antifurto e sicurezza.

3.Garantire un’illuminazione costante

Anche oggi, con i sistemi di allarme che hanno raggiunto ormai standard elevatissimi, uno dei deterrenti più importanti continua ad essere la luce. Se i luoghi di accesso alla propria abitazione sono illuminati, difficilmente qualcuno tenterà di accedervi; un discorso che riguarda tanto gli spazi esterni quanto quelli interni. Attenzione quindi a scegliere un impianto di illuminazione adeguato.

4.La scelta del sistema di allarme

E veniamo all’elemento fondamentale, la scelta del sistema di allarme: come si diceva, oggi sono molteplici i modelli sul mercato, ce ne è realmente per ogni esigenza. Scegliere l’antifurto più adatto alle proprie esigenze diviene quindi determinante per riuscire a proteggere i propri spazi: come scegliere? Analizzando la conformazione dell’ambiente da proteggere, il proprio stile di vita (es: si passa tanto tempo in casa? L’abitazione rimane spesso incustodita?) la sicurezza della zona dove si vive e finanche la densità di popolazione. Non esiste a prescindere un antifurto migliore, ferma restando la necessità di puntare sempre e comunque su prodotti professionali e di qualità; in questo caso il risparmio a tutti i costi può essere nemico della sicurezza finale

5.Curare i r apporti con… i vicini

Ebbene sì, non si parla solo di tecnologia avanzata e impianti di ultima generazione: per preservare al meglio i propri spazi uno dei segreti è anche quello di mantenere buoni rapporti con il vicinato. Spesso e volentieri i tentativi di intrusione vanno all’aria proprio perché un vicino si accorge dell’evento e interviene, magari accendendo una luce o facendo rumore per mettere in fuga i malintenzionati; ed allora, meglio avere buoni rapporti con il proprio vicinato per essere più sicuri.